ANGELINO ALFANO
SCRIVIMI
CATEGORIA
01 giugno 2017
BLOG
Il Pd farà cadere anche il governo Gentiloni oppure no? Questa la domanda cruciale.

1 giugno 2017 – Al punto in cui siamo, la partita si riapre anche se con un sistema elettorale in cui non siamo stati coinvolti e che fa si’ che la soglia del 5 per cento non sia una soglia di sbarramento, ma una soglia di vendetta.
Noi siamo stati leali con Renzi e lui sleale con noi. Ma in politica può accadere. Però, adesso, chiediamo a Renzi di essere lui leale alla Repubblica e alla nazione, come lo siamo stati e lo siamo noi.
Ora gli rivolgiamo la stessa domanda cruciale: Il Pd farà cadere anche il governo Gentiloni sfiduciando – magari con la convocazione di un’apposita direzione come fece per Letta – il Presidente del Consiglio o inducendolo alle dimissioni, oppure no?
Sarebbe il terzo governo in quattro anni…
Se c’è qualcuno che ha determinato instabilità, allora, e’ proprio il Pd perché ha fatto cadere due governi che erano suoi e forse si accinge a fare cadere il terzo, quello Gentiloni, che e’ davvero quello più vicino al Partito Democratico come nessun altro potrebbe essere in futuro e che quindi, a maggior ragione, dovrebbe sostenere. Se non lo fa e’ forse perché e’ il nome di Gentiloni il conto che non torna.
Davanti a noi ci sono tre obiettivi da centrare: organizzazione e federazione di tutti i soggetti moderati che vorranno partecipare a un progetto comune, programma improntato ai valori liberali e popolari, individuazione di un front runner.
Ora abbiamo una chance da una circostanza non voluta: il punto essenziale di dissenso che fin qui ha impedito la nostra aggregazione con altri soggetti moderati e’ stato il sostegno a Renzi e la loro avversione a Renzi.
Dopo un programma ben delineato, se la legislatura farà il suo corso naturale, allora, si potranno fare le primarie; se invece il Pd deciderà di interromperla prima, dovremo fare in altro modo e lo faremo consensualmente con gli amici che staranno con noi intorno al progetto e al programma.
A questo punto, noi siamo il tassello mancante al loro piano.
Noi siamo la rotella che non fa funzionare il loro incastro.