ANGELINO ALFANO
SCRIVIMI
CATEGORIA
12 novembre 2017
BLOG
Grandissima partecipazione a conferenza programmatica AP

Conferenza Programmatica AP – Roma 11 novembre 2017

12 novembre 2017 – Ieri a Roma si è svolta la conferenza programmatica del nostro partito, Alternativa Popolare. Condivido con voi alcune foto, i lanci stampa e tutta la gioia del confronto con centinaia di persone, tra cui tantissimi giovani, su programmi, idee, futuro e sui nostri valori.
Grazie per la grandissima partecipazione e per la forza che la nostra comunità politica continua ad esprimere!
 


ROMA (ITALPRESS) – “Noi ripartiamo da noi stessi”. Angelino Alfano traccia la strada in vista delle prossime politiche parlando a Roma nel corso della Conferenza programmatica di Alternativa popolare, “un movimento politico che puo’ dire con un certo orgoglio di aver cambiato in meglio le cose del nostro Paese, di avere lasciato un’Italia migliore – spiega il ministro degli Esteri -. Noi ripartiamo da noi stessi, dal nostro essere contro ogni populismo e contro ogni giustizialismo, per gli imprenditori, per il ceto medio, per la famiglia. Siamo pronti ad andare da soli, quella e’ la nostra scelta”. Alfano chiude le porte a un ritorno nel centrodestra: “Se a marzo abbiamo cambiato nome da Ncd ad Ap e’ perche’ abbiamo formulato un nostro giudizio su alcuni populismi, pertanto noi con una certa destra non vogliamo avere a che fare – sottolinea – Il centrodestra che abbiamo conosciuto nel 2013 non c’e’ piu’, altrimenti ci tenevamo Ncd. Se abbiamo scelto Alternativa popolare e’ per mettere l’Italia al centro e noi al centro del sistema politico per determinare un’alternativa che fosse forte e coraggiosa, capace di dire con grande chiarezza quali sono i nostri ideali, che sono chiari e non li abbiamo mai traditi”.
Parlando delle continue critiche che gli rivolge il leader della Lega Matteo Salvini, Alfano fa ricorso a un detto siciliano secondo cui “la fissazione e’ peggio della malattia”. “Io – sostiene – non ho capito cosa gli ho fatto ma non gli rendo il paio, non parlo di lui. Voglio essere un movimento europeista in campagna elettorale”.

Alfano, pronti a confronto su programma con altre forze
Rivendico risultati governo, abbiamo lasciato Italia migliore (ANSA) – ROMA, 11 NOV – “Lo ribadisco ancora una volta:
rivendichiamo con forza i risultati di governo di questi anni che lasceranno un’Italia migliore di quella che abbiamo trovato.
Non vogliamo aver nulla a che fare con una certa destra. Siamo pronti a un confronto con altre forze politiche sul programma, partendo dalle nostre idee, e siamo anche pronti ad andare da soli”. Lo ha ribadito Angelino Alfano, rispondendo ai cronisti giornalisti, a margine della conferenza programmatica di Ap.

Alfano: mancano 100 giorni al voto, grazie ad Ap Italia migliore
Siamo movimento europeista, con chi ci vuole fuori dall’Ue non possiamo stare Roma, 11 nov. (askanews) – “In questi anni i populisti hanno guadagnato consenso. Ma loro migliorano i sondaggi, noi abbiamo migliorato l’Italia. Dobbiamo impiegare i 100 giorni che ci mancano da qui alle elezioni spiegando che abbiamo migliorato l’Italia”. Lo ha detto Angelino Alfano, ministro degli Esteri e leader di Alternativa Popolare, nel corso della conferenza programmatica del partito.
“Non abbiamo aderito al Pd – ha precisato Alfano – non siamo diventati di sinistra. Ma con chi ci vuole portare fuori dall’Europa non possiamo stare insieme, noi abbiamo l’Italia al centro e siamo al centro del sistema politico italiano. Dobbiamo essere in campagna elettorale un movimento europeista. Stiamo dalla parte di chi dice che l’Europa è irrinunciabile, senza saremmo un paese meno prospero, meno sicuro, più solo. L’Europa è un club dove vogliamo stare, chi non si iscrive a questo club lo dica con chiarezza”.

Ap, Alfano: Salvini? Non ho capito cosa gli ho fatto. In Sicilia si dice: a fissazione è peggiu da malattia
‘In Sicilia si dice: a fissazione è peggiu da malattia’ Roma, 11 nov. (askanews) – “Salvini? Non ho capito cosa gli ho fatto. In Sicilia si dice ‘a fissazione è peggiu da malatia’. Ma non gli rendo il paio, dovrei spiegargli cosa sono gli avverbi che lui scambia per aggettivi. Siamo a livelli di quinta elementare”. Lo ha detto Angelino Alfano, ministro degli Esteri e leader di Alternativa Popolare, nel corso della conferenza programmatica del partito.

Ap: Alfano, contro Lupi ci fu il cinismo della stampa
24 ore di tempesta media, dopo dimissioni non ne parlo’ nessuno (ANSA) – ROMA, 11 NOV – “Oggi voglio tributare un applauso a Lupi, oggetto del cinismo della sinistra. Per 24 ore contro di noi c’e’ stata una bufera mediatica. Poi dopo le dimissioni non ne parlo’ piu’ nessuno. E oggi questa ovazione e’ un risarcimento dopo tanta amarezza”. Lo ha detto il leader di Ap, Angelino Alfano, nel suo intervento alla Conferenza programmatica del partito. (ANSA).

Ap: Alfano, populisti hanno migliorato sondaggi, noi Italia
In campagna elettorale vogliamo essere forza europeista (ANSA) – ROMA, 11 NOV – “Le grandi crisi hanno creato una nuova famiglia europea, contro i socialisti e i popolari. I
populisti sono giustizialisti, pauperisti e antieuropei. Da noi sono nati due emisferi: chi pensa che senza urlare le cose vadano peggio e chi come noi si sbottona la giacca e si mette a lavorare. Loro hanno migliorato i loro sondaggi, noi l’Italia”.
Lo ha detto il leader di Ap, Angelino Alfano, nel suo intervento alla Conferenza programmatica del partito.
“In campagna elettorale – ha aggiunto – vogliamo essere un movimento europeista”.


MIGRANTI: ALFANO, PER SALVARLI FORSE PERSO CONSENSI MA LO RIFAREI
Italia insieme solidale e sicura Roma, 11 nov. (Adnkronos) – “Ci sono bivii tragici nell’esperienza politica: fare la cosa giusta e perdere consensi o fare la cosa sbagliata per un guadagno elettorale”. Lo ha detto il leader di Ap Angelino Alfano nel corso della conferenza programmatica del partito al Marriott Hotel di Roma, a proposito delle politiche migratorie assunte quando era ministro dell’Interno. “Di fronte al rischio di lasciar morire mezzo milione di persone -ha aggiunto- nel Mediterraneo, io ho deciso di salvare le vite umane. Non so se è stata una causa del calo di consensi. Mi son domandato, lo rifarei? In coscienza, lo rifarei. E così l’Italia ha salvato mezzo milione di persone ed è riuscita ad essere insieme un Paese solidale e sicuro”.

AP. ALFANO: MAI TRADITO BERLUSCONI, TRA 5 MESI STARÀ COME NOI
Roma, 11 nov. – “Noi non abbiamo mai cambiato partito, quando e’ stato chiuso quello che ci aveva eletti abbiamo deciso di fondare il Nuovo centrodestra. Non abbiamo mai cambiato ideali. Non abbiamo mai cambiato posizione politica: Berlusconi ha fatto un governo con Bersani per far nascere il governo Monti e poi il governo Letta, poi ha deciso di rompere e noi siamo rimasti esattamente dove ci aveva collocato lui”. Lo spiega Angelino Alfano, parlando alla conferenza programmatica del partito.
Poi, attacca: “Tutta questa scena sul tradimento quindi non e’ reale, e noi lezioni non ne accettiamo da nessuno: Berlusconi sara’ tra 5 mesi nella stessa situazione in cui ci troviamo noi, uguale uguale uguale”.